Sei in: Home - Società - Tutti uniti contro il degrado "Roma è un bene comune"
Manifestazione

Tutti uniti contro il degrado
"Roma è un bene comune"

città di tutti 1

La denuncia di piazza delle 130 associazioni del network la "Citta di tutti": “Roma è abbandonata a se stessa. Da noi comincia una nuova rinascita”. Zingaretti: “Insieme verso la fiaccolata  antimafia del 19 luglio”

Si riparte da qui per ricostruire Roma. Con questo motto ieri sera in Piazza Santa Maria Liberatrice si sono dati appuntamento le 130 realtà tra associazioni e comitati che fanno parte della Città di tutti, il network che vuole difendere Roma come “bene comune” dall’avanzata del degrado. Ad ascoltarli dalla platea molti dirigenti del Pd, venuti ad ascoltare le voci della protesta.

La capitale sembra vittima di un attacco a 360 gradi, come testimoniano gli interventi che ieri si sono succeduti sul palco. E il ritratto della Città eterna che ne è uscito fuori non è dei più consolanti. Sono appelli, denunce che chiamano in causa “gli ultimi tre anni della gestione Alemanno”: la voce è di chi da sempre si batte per i diritti e la qualità della vita a Roma. Come quella di Antonio Napolitano, operatore di Casal Boccone, casa di riposo comunale minacciata da una probabile chiusura: “in questi anni abbiamo fatto molto, compreso festeggiare i compleanni di anziani che compivano 104 anni e vorremmo continuare a farlo”. Gli fa eco Laura Paradiso assistente sociale che punta l’indice contro i tagli alle cooperative sociali che uccidono l’economia solidale.

A lanciare un grido d’allarme anche Tiziana Tagliaferri del comitato di quartiere Osteria del Curato: il suo è un intervento che racconta i limiti delle nuove periferie. “Viviamo in un quartiere-dormitorio: ho tre figli, ognuno deve andare in una scuola diversa perchè nella nostra zona non ci sono. Come d’altra parte non c’è neanche un ufficio postale”. Ma non è finita qua. La capitale soffre di una mancanza di progettualità anche sulla mobilità, commenta dal palco Paolo Gelsomini dell’associazione progetto Celio: “Qui a Roma non c’è limite ai profitti degli imprenditori. La città è vittima di interventi puntuali che servono solo a loro: a che cosa serve ad esempio il parcheggio di Via di Ripetta se non a finanziare il sottopasso? Sarebbe utile invece una costruzione condivisa di un programma di mobilità che tenesse insieme i parcheggi, le metropolitane, il servizio pubblico”.

Durante la serata condotta dall’attrice Francesca Reggiani c’è anche spazio per parlare di mafia, dopo gli ultimi episodi di violenza di cui è stata vittima la capitale. L’applauso più grande è per Antonio Turri dell’associazione Libera che lancia la fiaccolata antimafia del 19 luglio al Pantheon: “Quando la mafia compare anche nell’antico Caffè Chigi significa che sta mandando un messaggio politico. Noi dobbiamo essere più forti e sentirci responsabili: dobbiamo ribadire che Roma è “cosa nostra””. A parlare di sicurezza, subito dopo, è Gianni Ciotti segretario Silp Cgil provinciale: “Siamo qui perchè pensiamo che la legalità sia un bene comune che vada tutelato. Oggi ci troviamo in una situazione paradossale, come polizia abbiamo avuto 2 miliardi di euro di tagli negli ultimi tre anni. Tutti soldi che servivano a dare spinta alle indagini e alla lotta alla mafia. Siamo riusciti  dare in mano questo Paese alla criminalità organizzata”.

In chiusura viene chiamato sul palco il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti che sottolinea come la crisi non si superi “vendendo il bene comune”. “C’è stata una volontà di colpire la scuola, gli enti locali, l’associazionismo, l’industria culturale tutta. Aspettiamo una nuova stagione in cui la cultura dell’egoismo e dell’individualismo sia superata”. Coglie l’occasione per rilanciare la manifestazione antimafia del 19 luglio: “Mentre la politica pensava che la sicurezza fosse prendersela con i “vu cumprà” intanto avanzava la spirale delle mafie. Oggi al centro di Roma si gambizza, si uccide. Per combattere questa spirale bisogna puntare sulla repressione, sullo sviluppo del paese e sul fatto di non girare la testa dall’altra parte”. A fine serata, dopo Zingaretti salgono i ragazzi del Teatro Valle. Sono qui per sottolineare che anche “il teatro è un bene comune”. Nessuno cercherà più di trasformarlo in bistrot. Si spera.

Elisabetta Galgani

Social networks