Sei in: Home - Cronaca - Casa, presidio di protesta al Ministero "No agli squali della speculazione"
Il sit in

Casa, presidio di protesta al Ministero
"No agli squali della speculazione"

Un centinaio di persone ha manifestato oggi davanti la sede del Ministero del Lavoro. De Cesaris (Unione inqulini): ""Oggi facciamo un altro passo per la vertenza, in piedi già da alcuni anni, degli inquilini e degli occupanti senza titolo degli alloggi degli enti previdenziali pubblici"

LA MANIFESTAZIONE I movimenti in piazza, Fds: "Corteo pacifico in città militarizzata"

"No agli squali della speculazione", "Fantasmi a Roma, inquilini in movimento per la casa", "Le case degli enti sono un bene pubblico" e "Sanatoria per tutti, sfratti per nessuno". Questi gli slogan del presidio di protesta al quale hanno partecipato un centinaio di persone, organizzato oggi da Unione Inquilini e Action Diritti In Movimento davanti la sede del Ministero del Lavoro, a causa del quale il traffico è rimasto a tratti bloccato.

"Oggi facciamo un altro passo per la vertenza, in piedi già da alcuni anni, degli inquilini e degli occupanti senza titolo degli alloggi degli enti previdenziali pubblici - dice Walter De Cesaris, segretario nazionale unione inquilini - Sono passati 3 anni dalla fine ingloriosa delle cartolarizzazioni e dal ritorno degli alloggi in mano agli enti previdenziali e da allora assistiamo al completo immobilismo: i contratti non sono stati rinnovati e le tutele previste dalla legge non vengono attuate. Ci sono ancora 1000 famiglie che avrebbero diritto all'alloggio che ancora non vengono regolarizzate. Nel frattempo alloggi di pregio vengono svenduti ai vip. Questo è inaccettabile: la precarietà abitativa non può continuare e siamo qui per chiedere risposte chiare al Ministero del Lavoro, che ha responsabilità di vigilanza rispetto agli enti previdenziali pubblici. Siamo costretti a protestare per far rispettare le regole".

Social networks